“In quel tempo, Gesù entrò in una casa e di nuovo si radunò una folla, tanto che non potevano neppure mangiare.Allora i suoi, sentito questo, uscirono per andare a prenderlo; dicevano infatti: «È fuori di sé».

(Mc 3, 20-21)

“È fuori di sé”: così dicevano a Gesù.
Non aveva tempo e non aveva spazio, viveva totalmente negli altri, viveva -anzi vive- in Dio.

Il Suo tempo e il Suo spazio è Dio, non ne aveva uno Suo.

Questo è Gesù, che ci invita ad andare oltre, oltre ogni confine di spazio e tempo, perché l’amore vuole andare sempre oltre per ritrovare sé stesso negli altri, e in Dio.

Il cristiano è un po’ così: è fuori di sé perché è totalmente in Dio e totalmente nell’amore per gli altri, e lì ritrova sé stesso, perché il mio io è al di fuori di me, e solo nel dono di me stesso mi ricevo.

Gesù, Maria Giuseppe vi amo

salvate anime