Buon Natale: per otto giorni è Natale!
Ci sono due giorni all’ anno in cui non punto la sveglia, ed uno di questi è oggi!

Oggi la Chiesa con tanto coraggio accosta il Natale alla morte di Santo Stefano, cruenta e veramente crudele, perché il Natale è una luce che illumina tutto, soprattutto la morte.
La morte è un Natale anche lei!

Attraverso il Natale posso rileggere tutta la storia: soprattutto le difficoltà, la croce, la morte, diventano un parto,un travaglio, una nascita, e l’uomo diventa capace di vivere come Dio, di morire come Dio perdonando i nemici, perché Dio ha voluto vivere come noi, diventando un piccolo bambino.

Questo è il miracolo del Natale, perché tutta la vita è un Natale: dobbiamo rileggere tutta la vita con questa chiave di lettura, e allora vivremo tutto come una nascita e un’esperienza di novità, sempre, anche nella morte.

Gesù, Maria Giuseppe vi amo
salvate anime

(D.G)