“Chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ma essa non cadde, perché era fondata sulla roccia. Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, sarà simile a un uomo stolto, che ha costruito la sua casa sulla sabbia”

(Mt 7, 21.24-27)

Perché il Signore viene a vivere sulla terra? Per darci la prova del Suo Amore. Solo quando una cosa è provata, collaudata, ne emerge, anzi, migliora, la sua forza, il suo valore. Così come la nostra fiducia: solo quando i venti si abbattono, la pioggia, i fiumi, sulla casa, ne provano la solidità. Qui in Emilia ne abbiamo avuto la prova quest’anno.

Ecco, la roccia: i giovani hanno bisogno di camminare sulle rocce per camminare sulle sabbie mobili della fluidità, dove si sprofonda e basta. Chi ascolta Dio, vivendo quello che ascolta -che è l’ unico modo di ascoltare Dio- diventa una roccia, e collauda, e prova, che davvero Dio è affidabile.

Finalmente, di Qualcuno ci possiamo fidare: questo è l’ Avvento!

Gesù, Maria Giuseppe vi amo

salvate anime

(D.G)