(…) Israele fu sconfitto di fronte ai Filistei, e caddero sul campo, delle loro schiere, circa quattromila uomini.

Quando il popolo fu rientrato nell’accampamento, gli anziani d’Israele si chiesero: «Perché ci ha sconfitti oggi il Signore di fronte ai Filistei?
Andiamo a prenderci l’arca dell’alleanza
del Signore a Silo, perché venga in mezzo a noi e ci liberi dalle mani dei nostri nemici».
(1Sam 4,1b-11)

 In quel tempo, venne da Gesù un lebbroso, che lo supplicava in ginocchio e gli diceva: «Se vuoi, puoi purificarmi!».
Ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, sii purificato!».
E subito la lebbra scomparve da lui ed egli fu purificato
(Mc 1,40-45)

Buona giornata da Santa Maria degli Angeli, ad Assisi; sono qui con il Vescovo e i preti di Bologna, torno oggi pomeriggio.

Andiamo a prenderci l’Arca”, dicono gli ebrei per sconfiggere in guerra i filistei.
“Se vuoi, puoi“, dice il lebbroso a Gesù; i primi perdono la guerra, il secondo viene risanato.
Sono due modi di trattare Dio: o prenderlo e usarlo per la nostra volontà, oppure affidarci alla Sua volontà (Signore, se vuoi, puoi), confessando la Sua potenza.

Il Signore ci insegni a pregare, a trattare con Lui, a fidarci di Lui, a fare la Sua volontà, che è il meglio che possiamo avere nella nostra vita.

Gesù, Maria Giuseppe vi amo
salvate anime

(D.G)